Passa ai contenuti principali

L'Albania ridisegnata, mentre si avvicina la successione del card. Scola

L'Albania viene completamente ridisegnata, coinvolgendo anche gli italiani. Si ritira mons. Cristoforo Palmieri, 78 anni, vescovo di Rreshen; gli succede don Gjorgj Meta, 41 anni, vicario generale della diocesi di Tirana-Durazzo. P. Giovanni Peragine, 52 anni, parroco a Milot, è il nuovo vicario apostolico dell'Albania meridionale; succede a mons. Hil Kabashi, 75 anni, ritiratosi per anzianità.


Cristoforo Palmieri è nato a Bitonto il 24 maggio 1939.
Quinto degli otto figli di un calzolaio e di una casalinga, nel 1960 è entrato nella Congregazione per la Missione dei Padri Vincenziani. E' stato ordinato sacerdote il 18 marzo 1967, a 27 anni.
E' stato parroco a Napoli, Lecce e Lamezia Terme. Nel 1993 chiede e ottiene di essere inviato in Albania per fondare una missione. Nel 1996, all'erezione della diocesi, ne diventa vicario generale. Nel 1998 il vescovo mons. Angelo Massafra viene promosso arcivescovo di Scutari e don Palmieri diventa amministratore apostolici della diocesi di Rreshen.
Il 23 novembre 2005, a 66 anni, viene nominato vescovo di Rreshen. Viene consacrato il 28 dicembre successivo da mons. Rrok Kola Mirdita, arcivescovo di Tirana-Durazzo.


Giovanni Peragine è nato ad Altamura il 25 giugno 1965.
Dopo la maturità commerciale entra nell'Istituto dei Padri Barnabiti di Firenze, dove nel 1984 emette la prima professione religiosa. Ha ottenuto un baccalaureato in filosofia e teologia e una licenza in teologia biblica presso la Pontificia Università Urbaniana di Roma. Nel 1991 emette la solenne professione nella Congregazione dei Chierici Regolari di San Paolo. Il 10 marzo 1993, a 27 anni, viene ordinato sacerdote.
E' stato vicario parrocchiale e docente di religione a Firenze. Nel 1998 viene inviato come missionario in Albania, dove è parroco di Milot e formatore nel seminario dei Padri Barnabiti.

Tra gli italiani all'estero, sono oltre il limite di età:
- mons. Eugenio Dal Corso, 78 anni, vescovo di Benguela, Angola;
- mons. Armando Umberto Gianni, 77 anni, vescovo di Bouar, Rep. Centrafricana;
- mons. Adriano Tomasi Travaglia, 77 anni, vescovo ausiliare di Lima, Perù;
- mons. Domenico Berni Leonardi, 77 anni, prelato di Chuquibambilla, Perù;
- mons. Guillermo Josè Garlatti, 76 anni, arcivescovo di Bahia Blanca, Argentina;
- mons. Gaetano Galbusera Fumagalli, 76 anni, vicario apostolico di Pucallpa, Perù;
- mons. Cesare Bonivento, 76 anni, vescovo di Vanimo, Papua Nuova Guinea;
- card. Ricardo Ezzati Andrello, 75 anni, arcivescovo di Santiago del Cile (confermato a tempo indeterminato);
- mons. Giuseppe Franzelli, 75 anni, vescovo di Lira, Uganda;
- mons. Mario Rino Sivieri, vescovo di Proprià, Brasile.

--

Si accorciano i tempi per la successione del card. Angelo Scola, arcivescovo di Milano. La decisione sarebbe stata presa e potrebbe essere ufficializzata entro la fine della prossima settimana, c'è ancora strettissimo riserbo sul nome. Come accaduto nel 2011, il nuovo arcivescovo dovrebbe entrare in diocesi verso agosto per iniziare l'anno pastorale a settembre pienamente in carica.

--

Il primo Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale è don Bruno Marie Duffè, 65 anni, direttore dell'Istituto per i Diritti Umani e docente a Lione.
Si conferma la linea che vuole mantenuti incarico e rango anche se membri di un dicastero vaticano (il Segretario di norma è un arcivescovo). La nomina arriva dopo quasi un anno dalla creazione del nuovo ministero guidato dal card. Turkson. Ora toccherà decidere cosa ne sarà dei due Segretari Delegati, don Giovanni Pietro Dal Toso, 52 anni, Segretario emerito del Pontificio Consiglio "Cor Unum", e don Jean Marie Mate Musivi Mupendawatu, congolese, 61 anni, Segretario emerito del Pontificio Consiglio per la Pastorale degli Operatori Sanitari.


Bruno Marie Duffè è nato a Lione il 21 agosto 1951.
Viene ordinato sacerdote il 28 giugno 1981, a 30 anni, per l'arcidiocesi di Lione.
E' stato docente di teologia morale e dottrina sociale della Chiesa all'Università Cattolica di Lione e al centro gesuita di Baume Les Aix (1982-2005) e docente di etica sociale e sanitaria presso il centro regionale di lotta contro il cancro di Lione (2005- ). Nel 1985 ha fondato l'Istituto per i Diritti Umani dell'Università Cattolica di Lione, di cui è diventato direttore (1985-2004).

In Curia Romana sono vacanti i Sottosegretari delle Congregazioni per l'Evangelizzazione dei Popoli e per il Clero, i 3 Sottosegretari del Dicastero per Laici, Famiglia e Vita e il promotore di giustizia del Tribunale della Rota Romana.
Sono oltre il limite di età:
- card. Francesco Coccopalmerio, 79 anni, Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi;
- card. Angelo Amato, 79 anni, Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi;
- card. Lorenzo Baldisseri, 76 anni, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi;
- don Pio Vito Pinto, 76 anni, Decano del Tribunale della Rota Romana;
- card. George Pell, 76 anni, Prefetto della Segreteria per l'Economia (rimarrà fino al 2019);
- card. Beniamino Stella, 75 anni, Prefetto della Congregazione per il Clero;
- mons. Piero Marini, 75 anni, Presidente del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali.

--

All'arcivescovo James Patrick Green, 67 anni, nunzio in Svezia e Islanda, è stata affidata anche la nunziatura in Danimarca. Il nuovo nunzio in Perù è invece l'arcivescovo Nicola Girasoli, 59 anni, finora nunzio nell'area Pacifico (Trinidad e Tobago, Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Dominica, Giamaica, Grenada, Guyana, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Suriname, Antille).


Nicola Girasoli è nato a Ruvo il 21 luglio 1957.
E' stato ordinato sacerdote il 15 giugno 1980, a soli 22 anni, da Giovanni Paolo II per la diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi. Dopo aver ottenuto una laurea in teologia morale e un dottorato in diritto canonico entra nella Pontificia Accademia Ecclesiastica. Ha prestato servizio nelle nunziature di Indonesia, Australia, Belgio, Stati Uniti e Argentina.
Il 24 gennaio 2006, a 48 anni, viene elevato arcivescovo e nominato nunzio apostolico in Malawi e Zambia. Viene consacrato l'11 marzo successivo dal card. Angelo Sodano, Segretario di Stato, assistito dall'arcivescovo Robert Sarah, oggi cardinale.
Il 29 ottobre 2011, a 54 anni, è diventato nunzio dell'Area Pacifico.

E' oltre il limite di età l'arcivescovo Giuseppe Lazzarotto, 75 anni, nunzio in Israele e Cipro e delegato apostolico per Gerusalemme e Palestina.
Sono vacanti le nunziature in:
- Bolivia
- Finlandia/Norvegia
- Ecuador
- Grecia
- Georgia/Armenia/Azerbaigian
- Indonesia
- Croazia
- Myanmar
- Rep. Dominicana/Porto Rico;
- Area Pacifico

--

Mons. Charles Thompson, 56 anni, è il nuovo arcivescovo di Indianapolis, Stati Uniti; era vescovo di Evansville. Succede al card. Joseph William Tobin, preconizzato cardinale ma spostato a inizio novembre, prima del concistoro, alla sede di Newark.
Il nuovo arcivescovo di Londrina, Brasile, è invece mons. Geremias Steinmetz, 52 anni, finora vescovo di Paranavaì. Succede a mons. Orlando Brandes, nominato a fine 2016 successore del card. Damasceno Assis come arcivescovo di Aparecida.

Commenti

Post popolari in questo blog

Preview 2018

Ecco, data per data, i prelati che varcheranno nel 2018 la soglia dei 75 anni, limite di età a cui è obbligatorio presentare dimissioni dal proprio incarico.

CURIA ROMANA


Le Congregazioni oltre il limite di età diventeranno 4 su 9: oltre alle Cause dei Santi (cardinale Amato, 79 anni) e al Clero (cardinale Stella, 76 anni), anche Educazione Cattolica e Chiese Orientali entreranno in discussione nell'anno a venire. Per succedere al cardinale Amato sembra ormai certo il nome dell'arcivescovo Giovanni Angelo Becciu, 68 anni, da sei Sostituto per gli Affari Generali. Anche l'APSA (e forse la Segreteria per l'Economia, in cui il destino del card. Pell è appeso a un filo) avrà bisogno di un ricambio al vertice, mentre è immaginabile che l'arcivescovo Bruguès non rimarrà a lungo oltre il limite, visto che non è stato nemmeno creato cardinale, a dispetto della carica.

3/2 --> card. Domenico Calcagno, Presidente dell'APSA;
5/4 --> card. Jean Louis Tauran, Presidente …

Nuovi nunzi in Italia e Israele, ma cambiano anche diocesi e Congregazioni

Continua la rotazione delle nunziature vaticane. Come previsto, il nuovo nunzio in Italia e San Marino è l'arcivescovo Emil Paul Tscherrig, 70 anni, svizzero, finora nunzio in Argentina.
E' la prima volta che un nunzio non italiano viene chiamato a rappresentare la Santa Sede con l'Italia. Non solo: essendo la nunziatura più prestigiosa, tutti i nunzi in Italia (tranne mons. Romolo Carboni) sono poi diventati cardinali. Lo testimoniano il card. Giuseppe Bertello, ora Presidente del Governatorato della Città del Vaticano, il card. Paolo Romeo, 79 anni, poi arcivescovo di Palermo, e il card. Andrea Cordero Lanza di Montezemolo, 91 anni, chiamato dalla nunziatura come primo Arciprete della Basilica di San Paolo Fuori le Mura. L'arcivescovo Adriano Bernardini, ritiratosi oggi per anzianità, è dunque il primo nunzio in Italia a non venire creato cardinale, salvo provvedimenti futuri.


Adriano Bernardini è nato a Piandimeleto, vicino a Pesaro, il 13 agosto 1942.
Studia a Roma,…